mercoledì 7 aprile 2010

Il concertone

Hanno annunciato il cast del concertone, il primo sotto casa. Mi portano Carmen. E il tema di quest'anno è il colore delle parole. Da una poesia di Eduardo.


Quant'è bello 'o culore d''e pparole
e che festa addiventa nu fuglietto,
nu piezzo 'e carta -
non importa si è stracciato
e po' azzeccato -
e si è tutto ngialluto
p' 'a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?
Addeventa na festa
si 'e pparole
ca porta scritte
so' state scigliute
a ssiconda d' 'o culore d' 'e pparole.
Tu liegge
e vide 'o bblù
vide 'o cceleste
vide 'o russagno
'o vverde
'o paunazzo,
te vene sotto all'uocchie ll'amaranto
si chillo c'ha scigliuto
canusceva
'a faccia
'a voce
e ll'uocchie 'e nu tramonto.
Chillo ca sceglie,
si nun sceglie buono,
se mmescano 'e culore d' 'e pparole.
E che succede?
Na mmescafrancesca
'e migliar' 'e parole,
tutte eguale
e d' 'o stesso culore:
grigio scuro.
Nun siente 'o mare,
e 'o mare parla,
dice.
Nun parla 'o cielo,
e 'o cielo è parlatore.
'A funtana nun mena.
'O viento more.
Si sbatte nu balcone,
nun 'o siente.
'O friddo se cunfonne c' 'o calore
e 'a gente parla comme fosse muta.
E chisto è 'o punto:
manco nu pittore
po' scegliere 'o culore d' 'e pparole.

2 commenti:

Stella ha detto...

"te vene sotto all'uocchie ll'amaranto".......favolosa!

ottanta/cento ha detto...

aaah (sospiro)