venerdì 26 febbraio 2010

Million dollar rugby


Pare che stavolta il più grande esponente della destra mondiale, con l'Invictus che in Italia esce oggi, non abbia tirato fuori il solito capolavoro

Clint Eastwood prende con Invictus una strada diversa, apparentemente contraddittoria rispetto al suo recente passato di regista, ma in realtà piuttosto coerente e conseguente. Anche se, va detto subito, coronata da una minor riuscita artistica.
(Mereghetti)

Altre cose su Clint Eastwood
Ci bastan poche briciole
Scusate, e Clint Eastwood dov'è?

2 commenti:

d.l. ha detto...

siamo sicuri? Ci fidiamo di Mereghetti? Lo accendiamo?

no, perché questo è uno dei pochi casi in cui sono tifosa quasi acritica (Clint, dico)...
;-)

ottanta/cento ha detto...

Su Clint sono acritico quanto te.
(Come su Tim Burton, del resto)
Di Mereghetti non mi fido sempre. (Morandini mi capisce di più...). Ma anche i giornali inglesi sono in linea.