mercoledì 14 marzo 2012

Il social Umbertwork

Io me la vedo la scena.
Lui sta lavorando al nuovo disco. Perché lui non dice album o cd, lui dice disco. Lui sta lì che scrive, incide, arrangia e arrivano quelli della casa discografica che gli fanno: 'A Umbe' te devi  fà Tuiìte. Se sono romani dicono così. Se invece sono milanesi gli sparano: Uelà Umberto: l'è l'ora che ti apri un profilo.
Lui si fa spiegare un po' meglio di che si tratta, ascolta e alla fine si convince.
Ci siamo.
Lui, Umberto Tozzi, allora va su Twitter.


Per spingerlo lì, lui che è fotofobico (“E sottane / sulla luce io ti / aaa-mo”) e che è asmatico (“Nell’aria c’è / polline di te”), lui dalla complessa psicologia erotica di cui si parlò qui quasi tre anni fa, ecco, i discografici per spingerlo lì devono sicuramente avergli detto che su Twitter si promuove il nuovo disco. Come una volta si andava da Pippo Baudo.
E lui c'è andato. Su Twitter. Come una volta da Pippo.









Dramma. Per un giorno non succede niente. L'uomo che un tempo era abituato a fare l'amore guardando una farfalla che muore sbattendo le ali, si smarrisce con una certa evidenza davanti al vuoto. E timidamente il giorno dopo fa toc toc. Prova con la tecnica dei radioamatori.









Chissà se spaventato, chissà se per il deja-vu di sì-qualcosa / sì-qualcuno / che ti chiama / forse nessuunoo, stavolta Umberto Tozzi prende l'iniziativa. Inizia a far sapere in giro che lui c'è. Tuitta a Emma Marrone:











Ha una strada, adesso. Ha una prospettiva. Ma resta titubante. L'uomo convinto che amare cos'è, è ascoltare in silenzio la luna, ora dal silenzio dei fans si fa spaventare. E implora:












L'uomo dal passo pesante, quello che camminando minacciava di svegliare chi sta sognando più di me, ebbene ora vorrebbe avvertirli tutti uno per uno, i suoi fans. Andare a bussare a casa loro. Toc toc. Chi c'è in linea?
E qui gli viene l'illuminazione. Pensa di chiedere consiglio a un esperto. A uno dei re di Twitter.
A Jovanotti.
Solo che dopo aver già scritto a Emma Marrone, a Lorenzo Cherubini può sganciare solo una triste bugia:












Povera Emma Marrone. Scaricata così. Sei il primo a cui scrivo. Forse lei non gli aveva dato calore, chi lo sa, non importa. Jovanotti sparge lo stesso la voce. Funziona. Un boom di contatti. Umberto allora riprende il suo colore.









Non lo fermano più. Contatta Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, ancora Jovanotti. Fioccano i retweet. I retweet lo gasano.












L'uomo convinto che colorare un figlio si può, figurarsi se si faceva spaventare. Si è informato, ha imparato. Così ogni tanto piazza qua e là l'avviso "a breve il nuovo album".
E però.
C'è ancora qualcosa che non va.
Lui lo sente che non va.
L'uomo che nella notte rosa sentiva che il dolore avanza, avverte un'ombra su questo Tuitte.
Ecco cos'è.
I fans.
Ma ci sono?
Quelli di una volta.
Quelli veri. In carne e ossa.
Ci sono?
Il povero Umberto rivuole il vecchio caro fan club.
Perciò Danilo glielo deve dire. Con garbo, ma glielo dice.















Altre cose su questo tema
Psicologia erotica di Umberto Tozzi

10 commenti:

elena petulia ha detto...

Ommamma.
sarà mica la foto, che gli porta iella?

TFM ha detto...

Sappi che ho molto apprezzato il riferimento alla poetica marroniana ("forse lei non gli aveva dato calore").

Meraviglioso. Tutto.

Anonimo ha detto...

angel sei un grande, ma sapendo chei complimenti ti intristiscono, ti lascio un appunto. Bastava che salivi di un paio di piani e t'avrei tradotto in romano puro quell'inciso iniziale.....ti devi si traduce con un t'hai da.....

giardigno65 ha detto...

un guerriero di carta igenica ...

Glicine ha detto...

peccato che non si tratti del vero Umberto Tozzi ma soltanto di un fake! Peccato che Umberto non abbia più discografici visto che ha un casa di produzione tutta sua. Mi sa che sei disinformato!!!

ottanta/cento ha detto...

Glicine, lei ha ragione. Era un fake, ed è stato smascherato proprio dopo questi comici tweet in cui erano cascati Jovanotti e Fiorella Mannoia. E poi è verissimo: io sono disinformato. Una risata non si guasta mai con la verità

Titty Belli ha detto...

ho paura ora ad andare a vedere su twitter se sta peggiorando!

Paolo ha detto...

quindi non è veramente lui... però il post è puro piacere!

ottanta/cento ha detto...

Dopo aver avuto retweet da Jovanotti e Fiorella Mannoia, poche ore dopo questo post, quell'account e' stato dichiarato un fake e rimosso. Ora ce n'e' un altro a nome Umberto Tozzi. Va detto che dal preceden account provenivano comunque info dettagliate del nuovo disco

Les Pois ha detto...

uno spasso!!! peccato fosse un fake :(