sabato 11 marzo 2017

Vita da osservatore: come si scopre il calciatore giusto

foto da davidefanizza.it
Negli archivi di una nobile società ancora conservano la relazione di un vecchio campione su una mezzala dalle misteriose prospettive. «Calcia di destro, è bravo, a me è piaciuto, prendetelo». Faccio l’osservatore: così sui campi si presentavano gli uomini che firmavano giudizi uguali a questo, l’ombrello in una mano, la penna nell’altra, ed erano spesso in attesa di diventare allenatori, erano giocatori che avevano appena smesso oppure già fuori dal giro, gente che spesso s’accontentava di un biglietto d’ingresso per lo stadio. Un lavoro da limbo, un impiego in cui veder fiorire il sottobosco. Solo ai prescelti capitava il giorno giusto per essere attraversati da un raggio di luce, come s’accorse Waldemar de Brito ai bordi di un giardino in cui un ragazzino faceva gol a piedi scalzi, e lo chiamavano Pelé; oppure come capitò a Francisco Cornejo, impiegato di banca a Buenos Aires, che in un sabato di marzo attraversò il parco Saavedra e restò fulminato dal sinistro di un bambino di otto anni di nome Diego Armando.
Guardare calcio è diventata una professione d’alta specializzazione. Muove milioni di euro. Dinanzi a un nuovo contratto da firmare, i proprietari dei club cominciano a chiedere la tracciatura del percorso, la filiera di occhi sotto i quali è passata la proposta d’acquisto. La scuola classica degli osservatori era composta da uomini convinti che un calciatore andasse visto sette volte: in casa e fuori, contro un’avversaria più forte e una più debole, con il sole e con la pioggia, in un derby per misurarne il temperamento. Non più di sette, perché dopo si finiscono per cogliere solo difetti. Mino Favini ha ottantuno anni, di cui circa quarantacinque trascorsi a individuare piedi buoni. «Sto cercando di smettere» dice, ma nel frattempo «le mie regole non sono cambiate. Parto dal rapporto naturale, quasi selvaggio, che un ragazzo ha con un pallone. Il resto viene dopo, bisogna saper aspettare l’evoluzione del fisico e della mente». È così che ha pescato Gianfranco Matteoli e Pietro Vierchowod per il Como, dov’è appena tornato dopo un quarto di secolo passato all’Atalanta per scoprire Domenico Morfeo, Riccardo Montolivo, Giacomo Bonaventura e gli ultimi gioielli, o per respingere un ragazzo che pareva indisciplinato, oggi noto come Mario Balotelli. «Ho calcolato di aver fatto in vita mia non meno di tre milioni di chilometri per andare a guardare qualcuno che correva dietro a un pallone».

Una nuova generazione cresce appoggiandosi alla tecnologia, ai database che raccolgono statistiche e videoclip in ogni angolo del mondo: dall’eccellenza italiana di Wyscout ai russi di InStat Football. In una mattina si può analizzare al computer l’intera giornata di quattro campionati. Le piattaforme sono democratiche: il Crotone può arrivare lì dove non arriva la Juventus. Ma le scelte finali vanno fatte dal vivo. Durante un raduno a Valencia, il capo degli osservatori del club argentino Boca Juniors raccontò che ogni anno gli tocca esaminare 24 mila giocatori. Provini, partitelle, raduni. «Come fate» gli domandarono «a individuare chi è davvero bravo tra duemila ragazzi al mese?». Risposta: «Prendiamo quelli che ci emozionano». Ma proprio come accade ai critici musicali e cinematografici, ci si emoziona per quel che si riconosce.

«Più è vasto il bagaglio culturale, più si impara a osservare meglio», dice Marco Zunino, dal 2010 nello staff di Riccardo Bigon, prima al servizio del Napoli, oggi coordinatore dello scouting del Bologna. Zunino insegna storia del calcio attraverso i moduli di gioco al nuovo corso (72 ore) del settore tecnico della Federcalcio per la formazione di osservatori, il prossimo ciclo parte a fine aprile. Un conto è stendere relazioni su calciatori già formati per le strategie di calciomercato, un altro saper misurare le prospettive dei diciottenni, un altro ancora mettersi a caccia di pepite nelle scuole calcio. Oggi le squadre di serie A già conoscono i nomi dei migliori nati nel 2007.

Léonide Moguy si vantava di aver scorto prima di altri le qualità di Ava Gardner e Sophia Loren. Facile così. Vai a capire invece se quel difensore senegalese che gioca in Belgio sarà mai adatto alla serie A. Kalidou Koulibaly lo era, racconta Zunino, «anche se Benítez non lo conosceva quando ci presentammo da lui con un elenco di 65 calciatori, cinque per ogni ruolo, come si usa fare adesso, dopo una base iniziale di 1.700».

continua sul sito del Venerdì di Repubblica >>> qui
(pubblicato il 3 marzo 2017)

Nessun commento: